No, il pippone di Saviano su Genny ‘a carogna no

«Altrimenti De Andrè avrà per sempre ragione e continueremo ad assistere inermi all’ennesima occasione in cui lo “Stato si costerna, si indigna e si impegna, poi getta la spugna con gran dignità”». Non per parafrasare il Nanni Moretti di Io sono un autarchico, quello del famoso “il dibattito no”, però vorrei dire che NO, il …

Continue reading ‘No, il pippone di Saviano su Genny ‘a carogna no’ »

La celentanizzazione della politica

Ce l’ho ancora davanti agli occhi la doppia pagina di Repubblica subito dopo le ultime elezioni politiche. Tra i tanti commenti di politologi, ambasciatori, capi di stato e papi spiccavano le interviste ad Alessandro Baricco (pag. 14, a sinistra) e ad Adriano Celentano (pag. 15, a destra) in una sorta di think tank stereofonico. Scarica l’articolo in …

Continue reading ‘La celentanizzazione della politica’ »

La reductio ad Savianum di Pietro Mennea

Il tenace, il monaco, quello “con la rabbia nera dentro”. Il taciturno, l’integralista, l’insoddisfatto. Pietro Mennea è da ieri nella Camera ardente allestita nel Salone d’onore del Coni. Lo vanno a salutare in tanti. Gli amici e molti, moltissimi italiani normali cui aveva regalato il sogno dell’oro olimpico, del record che resiste, della “freccia azzurra” …

Continue reading ‘La reductio ad Savianum di Pietro Mennea’ »

#pirandellopremionobel

Roberto Saviano, più che scusarsi, avrebbe potuto prenderla più bassa. Ammettere che sì, quell’apostrofo gli è scappato. O anche accampare la natura del mezzo – twitter – indubbiamente più easy e, dal punto di vista della grammatica, meno restrittivo. In fondo lo dice anche Severgnini: gli errori fanno parte del gioco. Però Saviano no, lui …

Continue reading ‘#pirandellopremionobel’ »