Martin Schultz: Berlusconi lo chiamò kapò, lui ancora ci marcia

Dargli del kapò fu senz’altro una vergognosa caduta di stile. Una sorta di sguaiato sdoganamento internazionale del clichè da bar. Però trasformare Martin Schulz – probabilmente solo per quel fatto – in un oracolo della sinistra mi pare, oltre che eccessivo, provinciale e subalterno. Invitato a Che tempo che fa, il presidente del Parlamento europeo …

Continue reading ‘Martin Schultz: Berlusconi lo chiamò kapò, lui ancora ci marcia’ »

Monti e la diversa antropologia

Giorni fa Francesco Merlo ha scritto che con il governo Monti è finita l’era del talk show perché difficilmente i nuovi ministri frequenteranno Servizio pubblico o Ballarò o simili “pollai” (copyright by Casini, che finora non ci risulta sia stato un politico dedito al romitaggio). “Una diversa antropologia”, ha spiegato Merlo che ha anche sottolineato …

Continue reading ‘Monti e la diversa antropologia’ »