Renzi, Verdini e la “ditta”

“Forse, più che al congresso del Pd vuole candidarsi a segretario di Ala? Sicuramente avrebbe più chance”. La risposta muscolare della Serracchiani a Roberto Speranza – che, dopo l’appoggio di Verdini alla legge sulle unioni civili, ha chiesto il congresso anticipato del Pd – rasenta la maleducazione. Tanto che Speranza, replicando a stretto giro sul …

Continue reading ‘Renzi, Verdini e la “ditta”’ »

Simone Moro e la letizia dell’esplorazione alpinistica

Simone Moro ce l’ha fatta. È salito sul Nanga Parbat che, insieme al K2, era uno dei quattordici ottomila che ancora resisteva all’ascesa invernale. I tedeschi negli anni Trenta l’hanno chiamata “montagna del destino” ed è conosciuta anche come “mangiatrice di uomini”, un appellativo non certo tranquillizzante. Simone, tanto per capire il tipo, ne aveva …

Continue reading ‘Simone Moro e la letizia dell’esplorazione alpinistica’ »

Il dissenso funzionale dei radical

“Il Movimento 5 Stelle come Podemos e la stessa Syriza sono forze politiche che contengono malesseri e passioni ma non propongono un modello alternativo di società. In un mondo in cui non si indirizza più il consenso ma il dissenso, sono funzionali a chi governa”. Al netto del “modello alternativo di società”, l’analisi di Marco …

Continue reading ‘Il dissenso funzionale dei radical’ »

Vota Forza Roma

Salvini che spara a palle incatenate contro Bertolaso. La Meloni che dice che allora, se è così… liberi tutti. Storace che “la Meloni pare Mastella”. Rutelli che fa il kingmaker di Marchini. La Taverna che vede il complotto per far vincere i Cinque stelle. Giachetti che non sembra crederci più di tanto. Morassut che nome …

Continue reading ‘Vota Forza Roma’ »

Il barboncino di Meluzzi e il tramonto dell’occidente

A volte la realtà ti spiazza. E’ grottesca e comica insieme, tanto che ti viene il dubbio che sia una cosa finta. Sentite questa. Rete 4 manda in onda uno speciale sul delitto Rosboch, la povera professoressa uccisa nella provincia torinese e gettata in un pozzo. Una vicenda disumana, tragica, quasi diabolica in cui si …

Continue reading ‘Il barboncino di Meluzzi e il tramonto dell’occidente’ »

Pevò, che fovte questo Bevnie Sandevs

Due paginate di Repubblica – graficamente molto ben congegnate – dedicate a Bernie Sanders, il candidato democratico Usa parecchio di sinistra, e firmate da Thomas Piketty, l’autore de Il Capitale nel XXI secolo, presentato come (testuale) “economista francese specializzato nei temi dell’ineguaglianza sociale” (“ineguaglianza”, non diseguaglianza). Secondo me la sinistra dei salotti ha trovato un …

Continue reading ‘Pevò, che fovte questo Bevnie Sandevs’ »

Le televendite di Carlin Petrini, l’antiliberista

Tg2, servizio della Botteri su Sanders, il candidato parecchio di sinistra alla primarie Usa. Galline che beccano, maiali che grufolano, redneck con gli stivaloni: votano Sanders (i redneck) perché sono contro l’agricoltura intensiva e i grandi trattati che strozzano i piccoli coltivatori. Stacco. Studio. Seduto davanti alla conduttrice c’è Carlin Petrini. Sorriso morbido da santone. …

Continue reading ‘Le televendite di Carlin Petrini, l’antiliberista’ »

Comunque adesso ho un po’ paura

Più della dichiarazione della Taverna, fa sorridere quella di Di Battista in sua difesa: “Paola Taverna quando parla di un complotto per far vincere il Movimento 5 Stelle a Roma, si riferisce al fatto che se dovessimo vincere avremmo tutti quanti contro. (…) Già lo sappiamo (…) ci chiuderanno i rubinetti. Avremo contro la Regione, …

Continue reading ‘Comunque adesso ho un po’ paura’ »

Lo scrittore adorno e Gigetto il pizzicagnolo

Non so se avete avuto l’opportunità di leggere il ficcante intervento di Maurizio Maggiani ieri sul Secolo XIX. Argomento: le onde gravitazionali, la cosa scientifica che ha riempito le cronache di un sacco di giornali nei giorni scorsi. Non lo avete letto? Male, perché ne vale davvero la pena. Siccome in rete non l’ho trovato, …

Continue reading ‘Lo scrittore adorno e Gigetto il pizzicagnolo’ »