Signoramia Littizzetto, me par

Sono in auto. Sabato mattina. Sto andando a fare lo spesone settimanale al super. Sfrequenzo alla ricerca di qualcosa che mi tiri un po’ su. Ecco Radio Deejay. Luciana Littizzetto sta conducendo insieme a Vic La Bomba, me par. Mettono musica, parlano di attualità, fanno battute. La Littizzetto è molto brava. Parla con calma, tiene …

Continue reading ‘Signoramia Littizzetto, me par’ »

Augghanculo

Quando il giornalista gli ricorda che “con il gruppo Fonsai lavora anche suo figlio, Geronimo”, Ignazio La Russa risponde che, sì uno dei motivi è che “sanno che è un avvocato giovane e brillante (…) Hai vantaggi, ma molti svantaggi a essere figlio di un ex ministro”. Comunque nel caso gli svantaggi dovessero essere maggiori …

Continue reading ‘Augghanculo’ »

Chiamami ancora Zedda Piras

Ecco la lettera di Roberto Vecchioni su “La Nuova Sardegna” di oggi 22 novembre 2013. “Il mio cuore è ferito. Negli occhi mi trascorrono prati, monti, volti, alcuni dei quali non vedrò mai più. Ho pianto, sinceramente pianto, come un bambino a cui han rapito il fratello per nasconderlo nel passato, lasciarlo a mezza strada …

Continue reading ‘Chiamami ancora Zedda Piras’ »

Casoneee pensaci tuuu!

Il cartello appeso al muro delle Piscine d’Albaro di Genova – un luogo per genitori con figli tra zero e dieci anni da far stancare il sabato e la domenica – è perentorio: “E’ vietato il gioco della palla”. Vietato. Nessuno spazio alle interpretazioni. Per gli analfabeti c’è anche la figura: un pallone a scacchi …

Continue reading ‘Casoneee pensaci tuuu!’ »

Il calcio in barrique

Quando ho gente a cena o quando devo regalare un paio di bottiglie come si deve a qualcuno senza correre il rischio di fare figuracce, c’è un posto a Genova che riesce a camuffare le mie molto discutibili conoscenze in materia di vitigni, sentori e aromi retronasali: le Cantine Salvadori. Ora, a parte il fatto che stanno …

Continue reading ‘Il calcio in barrique’ »