Hey John, here’s Mortazza

Questa cosa delle intercettazioni telefoniche americane riserva continue sorprese. Per esempio Romano Prodi rivela: “Anch’io sono stato spiato. Il suono della mia voce era stato inserito nel grande cervello e quindi ogni mia conversazione veniva automaticamente registrata”. Anche quelle in cui faceva l’accento svedese. Scarica l’articolo in formato PDF

Partito d’Inazione

Il commento di Riccardo Puglisi oggi sul Corriere della sera dal titolo “Le troppe liti di Scelta Civica ricordano le divisioni degli azionisti” è ingeneroso innanzitutto con gli azionisti. “Il Partito d’Azione – scrive – si spezzò quasi subito in due, con Emilio Lussu proiettato verso la sinistra e Ugo La Malfa verso destra con …

Continue reading ‘Partito d’Inazione’ »

L’hairdryer rossoverde

Al Genoa è tornato Gasperson. Così, sotto la Lanterna, tifosi e commentatori sportivi chiamano Gian Piero Gasperini che ha ripreso in mano le redini dei rossoblù dopo tre anni non proprio esaltanti tra Milano sponda Inter, Palermo e varie ospitate come commentatore nei salotti di Rai e Mediaset. Il giochetto linguistico è un chiaro rimando …

Continue reading ‘L’hairdryer rossoverde’ »

Spiegate a Maradona che Faviofassio è il fiume

Lasciate stare il gesto dell’ombrello. Poi magari ci torno in un altro post. Anche perché Fassina contro Maradona mi sembra un titolo piuttosto comico. Quello che vorrei consideraste dell’intervista di Fabio Fazio è invece un altro aspetto: el pibe è irrimediabilmente bollito. Sul serio. E non l’ho capito dallo sguardo e neppure dai movimenti e …

Continue reading ‘Spiegate a Maradona che Faviofassio è il fiume’ »

Fedeli alla linea e la linea non c’è

Chissà cosa pensa Christopher Harris di Francesco Bravo, detto il “Cece”. Harris è un giornalista britannico che qualche giorno fa ha scritto su worldsoccertalk.com – un sito di cose di calcio – che tifare per la squadra della propria città è ormai fuori moda. Non solo. Pretenderlo sarebbe addirittura “antidemocratico e fascista”. Perché ognuno dovrebbe …

Continue reading ‘Fedeli alla linea e la linea non c’è’ »

Le stelle gemelle del Gottero e di Torre Maggiore

Fossi ancora in Umbria direi: l’Appennino è Monte Torre Maggiore. Avete presente la storia delle “radici”? Beh, ognuno ha le sue. Torre Maggiore è l’Appennino perché, anche se non appartiene alla spina dorsale vera e propria che passa più a est, sta a una manata, in linea d’aria, da dove abitavo prima di trasferirmi in …

Continue reading ‘Le stelle gemelle del Gottero e di Torre Maggiore’ »

Scherza coi centravanti e lascia stare i santi

Il rapporto tra calcio giocato e religione rivelata è senza dubbio ambivalente. Per una singolare legge della fisica, ad ogni bestemmia sui campi di terza categoria corrisponde – quasi sempre – una pratica devozionale eguale e contraria. Non è raro trovare infatti chi, prima di un calcio di rigore, si fa il segno della croce …

Continue reading ‘Scherza coi centravanti e lascia stare i santi’ »

La cacatella longa longa

Di Vito Crimi non colpisce tanto la dabbenaggine, ma il fatto che senta il dovere di dire in pubblico che ride con cacca e piscia e scorreggia. Poi vabbè ha scritto anche ipertrofia prostatica e prolasso delle pareti intestinali. Così per dare l’idea di saperla lunga, un po’ come tutti i grillini Scarica l’articolo in …

Continue reading ‘La cacatella longa longa’ »