Quale allegria

“Risultato storico”, così Pierluigi Bersani commenta le elezioni siciliane. E ancora: “Abbiamo vinto in Sicilia… sono cose da pazzi”. Ora, al netto della parte in commedia… ma ci crede davvero? Bene che vada è un pareggio. Una crocetta, diciamo. Scarica l’articolo in formato PDF

Una splendida quarantenne

A me Alessandra Moretti ospite qualche volta a Ballarò non ha mai fatto una grande impressione. Per una ragione: troppo prevedibile. E, nonostante l’età, anche un po’ “vecchia” nelle argomentazioni. Mi spiego meglio. Non che abbia mai utilizzato termini tipo “piattaforma programmatica” o cose così. Ma ogni volta che le davano la parola sapevi già …

Continue reading ‘Una splendida quarantenne’ »

39? Ti avevano preso di mira, è chiaro

Alcuni settimanali e mensili riportano sempre più spesso una mini autobio degli autori degli articoli o dei fotografi che poi si ritrovano all’interno. E’ una bella abitudine, anche perché non sempre da quello che si scrive emergono i tratti caratteristici di una persona. Cosa che – invece – succede quasi sempre quando si parla di …

Continue reading ‘39? Ti avevano preso di mira, è chiaro’ »

Il tecnico Melandri

Giovanna Melandri è una tipa tosta. E come tutti i tipi tosti non si lascia intimorire dalle polemiche. La decisione del ministro Ornaghi di nominarla capo del Maxxi di Roma, un museo d’arte contemporanea che, scrive Galli della Loggia, «non è ancora riuscito a trovare una propria identità e un proprio ruolo», ha scatenato reazioni …

Continue reading ‘Il tecnico Melandri’ »

Il tifoso emigrante e l’arcangelo Michele

Lasciamo stare la serie B di Mascella-Codogno-Cei-Casone-Gelli-Volpi ché son formazioni che si possono trovare soltanto al largo dei bastioni di Orione o vicino alle porte di Tannhäuser. E lasciamo stare, per carità di patria, il periodo a cui risale quel ricordo. Giovane ero – giovanissimo – e la memoria rende tutto epicamente “blade runner”, si …

Continue reading ‘Il tifoso emigrante e l’arcangelo Michele’ »

Quale giacca metto oggi?

Piero Fassino, oggi sindaco di Torino, commenta le misure del Governo per Regioni e Comuni indebitati: “Sarebbe tempo di mettere mano anche a una seria ristrutturazione dei costi dei ministeri e delle amministrazioni centrali dello Stato”. Vorrei ricordare che in una vita precedente Fassino è stato anche ministro. Scarica l’articolo in formato PDF