Ecco perché Travaglio è un po’ berlusconiano

Quando Marco Travaglio, il sopracciglio alzato, fa le sue tirate stringenti, geometriche e mozzafiato contro questo e contro quello, uno – a prescindere dal contenuto – non può fare altro che essere d’accordo. Più che altro perché non ce la fa a seguirlo per intero. Le cifre, le circostanze, i rapporti descritti sono un unico …

Continue reading ‘Ecco perché Travaglio è un po’ berlusconiano’ »

Ecco perchè La Russa avrà sempre torto anche con un minimo di ragione

Il self control non è il tratto principale del carattere di Ignazio La Russa. Un anno fa ad Annozero fece una scenata contro uno degli studenti santoriani in studio urlandogli una decina di volte “vigliacco” e “fifone”. A febbraio di quest’anno ha pestato i piedi a Corrado Formigli che voleva intervistarlo. Ieri sera, ospite su …

Continue reading ‘Ecco perchè La Russa avrà sempre torto anche con un minimo di ragione’ »

Monti e la diversa antropologia

Giorni fa Francesco Merlo ha scritto che con il governo Monti è finita l’era del talk show perché difficilmente i nuovi ministri frequenteranno Servizio pubblico o Ballarò o simili “pollai” (copyright by Casini, che finora non ci risulta sia stato un politico dedito al romitaggio). “Una diversa antropologia”, ha spiegato Merlo che ha anche sottolineato …

Continue reading ‘Monti e la diversa antropologia’ »

Popolo bue

L’ingegner Carlo De Benedetti in questa intervista ad Aldo Cazzullo spara un po’ contro tutti. Contro Bersani (“più efficace comunicativamente nella versione Crozza”), contro Renzi (“la rottamazione può essere la condizione per un progetto. Non può essere un progetto in sé”), persino contro Obama (“ottimo candidato, pessimo presidente”). E un po’ anche contro Monti (“la …

Continue reading ‘Popolo bue’ »

Ma di cosa stiamo parlando?

La voce della Chiesa è una voce autorevole nella società italiana. E Mario Monti sembra averne tenuto giustamente conto nello scegliere i nuovi ministri. Scriveva Maurizio Crippa sul Foglio che “con Lorenzo Ornaghi, responsabile del Progetto culturale ruiniano, la scelta della Cei squillerebbe come una messa cantata”. Bene, Ornaghi è nella lista dei ministri. E …

Continue reading ‘Ma di cosa stiamo parlando?’ »

Il lancio delle mutandine

Non solo instant book, ma anche pubblicità. Una nota casa di intimo ha comprato una pagina (anche) su Repubblica per sfruttare l’attuale congiuntura politica. Sopra ci ha messo una modella – “una ragazza del nostro catalogo”, ha spiegato l’ad Gianluigi Cimino – in reggiseno rosso e cagnetto sulla spalla, che si gira e ammicca con …

Continue reading ‘Il lancio delle mutandine’ »

E ti amo Mariooo-o-o-o-o

C’è questa proposta di mettere il tricolore alla finestra quando Berlusconi rassegnerà le proprie dimissioni. Anche se tutti sanno che Chinaglia non può passare al Frosinone e che nell’amaro benedettino non sta il segreto della felicità, non sarebbe male cambiare l’inno di Mameli con la canzone di Rino Gaetano. Ma magari quelli di Libertà e …

Continue reading ‘E ti amo Mariooo-o-o-o-o’ »

Di Plymouth e vecchi catorci

Lui è finito, perché l’Italia non festeggia? Si chiede David Bidussa. Il “lui” di cui parla è naturalmente il Presidente del Consiglio. Diciamo che ora, con l’Italia sotto lo schiaffo del soldato dei mercati, apparirebbe fuori luogo stappare bottiglie. Insomma ci sta pensando lo spread a dare un alibi alla mancata euforia da spritz. Ma …

Continue reading ‘Di Plymouth e vecchi catorci’ »

La tecnica ai tempi dello spread

Ieri sera avevo la riunione di condominio. Sono andato, ma l’operazione – già di per sé gravosa – ha richiesto un supplemento di coraggio. Perché sfido chiunque a entrare in queste aule dove si esercita un confronto dialettico ai limiti della decenza, dopo aver letto i commenti politici della maggior parte dei quotidiani nazionali sul …

Continue reading ‘La tecnica ai tempi dello spread’ »

Lo sciacallo sotto l’ascella

Si poteva rispondere in molti modi. Prendere tempo, aprire parentesi, insomma aggirarla, la domanda, posta giustamente dal giornalista del Secolo XIX in modo diretto e brutale: ma lei le avrebbe chiuse le scuole? Cofferati – che da un po’ abita a Genova e le cui parole hanno un peso politico significativo sulla città – non …

Continue reading ‘Lo sciacallo sotto l’ascella’ »